Lucca Comics (10/2019)

From JoJo's Bizarre Encyclopedia - JoJo Wiki
Jump to navigation Jump to search
Missing translation
Manga
Published October 30, 2019
Lucca Comics 2019 poster

Interview with Hirohiko Araki at Lucca Comics & Games 2019 edition, interview conducted on October 30 and 31 2019.

Interview

Innanzitutto, è per noi un grandissimo onore averla qui. Vorrei sapere qual è il processo di creazione del look dei suoi personaggi, che sono davvero particolari e unici.

Si basano principalmente sugli incontri che faccio quotidianamente, su tutto ciò che riesco a captare dalle persone. Persone strane, vestite in maniera azzardata, ma anche persone vestite in modo più coraggioso e colorato. Cerco di prendere il più possibile dalle persone che incontro ogni giorno. A queste persone faccio anche delle foto. Guardando le immagini sfruttando le diverse angolazioni riesco a studiarmi al meglio il look. Sull'Italia, poi, in particolare, mi ispiro molto alle statute, che hanno un design più classico.

Abbiamo visto all'inizio di JoJo un’influenza europea, neo-classica, prima nelle pose per poi finire ad abbracciarla nella sua totalità. Come ha accolto il mercato giapponese un’estetica di questo tipo?

Sono stati di grandissima ispirazione soprattutto i miei viaggi in Italia e le visite ai musei, con la loro atmosfera molto classica. Per me disegnare così ormai è naturale, e secondo me anche i lettori giapponesi lo accettano normalmente proprio per la naturalità con cui lo faccio. Al contrario, se dovessi fare qualcosa come scrittore, non risulterebbe facile.

Lei fa parte di una rosa selezionata per disegnare i poster delle Paralimpiadi. Potrebbe parlarci di come ha ricevuto questa proposta e del progetto legato alle Paralimpiadi?

Sinceramente non so perché abbiano scelto proprio me, ma ne sono molto grato. Credo che il comitato organizzativo sia rimasto colpito dai miei lavori e dalle mostre dedicate, come quella dei 30 Anni di JoJo che si è tenuta a Tokyo. Per quanto il lavoro svolto fino ad adesso, non credo di poter esprimere giudizi dato che è ancora in corso.

A cosa e a chi si è ispirato per la creazione del primo JoJo, Jonathan Joestar?

In realtà è molto semplice: in Giappone c’è una catena di ristoranti H24, molto famosa, che si chiama "Jonathan's". Per vari motivi, ci sono molto affezionato e ho voluto partire da qui per il nome. Per quanto riguarda il suo design, volevo semplicemente disegnare un "macho", un uomo scolpito e dalle proporzioni classiche delle statue.

Jojolion, l’ottava parte di JoJo, sta per concludersi. Quale sarà il futuro della serie?

Sinceramente non lo so, devo pensarci ancora bene. È qualcosa da definire.

Lei legge o ha mai letto fumetti di stampo supereroistico? Se sì, quali sono le influenze che hanno avuto sulla scrittura della serie?

Non sono un grandissimo fan dei supereroi, anche se da giovane ho letto molta fumettistica francese. Li trovo personaggi che si piangono un po' troppo addosso, preferirei vedere un personaggio che guarda maggiormente davanti a sé e con i piedi per terra. anche se mi piace molto Spider-Man.

Se le chiedessero di collaborare alla realizzazione di un film per i personaggi e le scene, che genere di film avrebbe in mente e con chi le piacerebbe collaborare?

Mi piacciono molto i film horror, credo che realizzerei un horror molto realistico. Apprezzo molto anche The Walking Dead per questo motivo, per il suo realismo.

Questa estate si è conclusa la trasposizione animata di Vento Aureo, la serie ambientata in Italia. Una delle cose che più mi sono rimaste impresse, già quando lessi il manga, fu la totale sparizione dalla scena di Fugo Pannacotta dopo il tradimento fatto alla gang di Bucciarati. Come mai questa scelta?

È una motivazione molto complessa. Poiché Vento Aureo veniva pubblicato su Shōnen Jump, il suo target erano i ragazzi e gli adolescenti. Per loro, il tradimento è qualcosa di molto pesante e brutto da commettere. Continuare a mostrare Fugo nel manga avrebbe appesantito rattristato l’atmosfera e gli eventi di Vento Aureo, e probabilmente rovinato il personaggio.

Come mai al termine di Stone Ocean ha deciso di resettare l’intero universo narrativo, abbandonando così alcuni dei personaggi più amati dai fan, come Jotaro Kujo e Dio Brando?

È stata dura abbandonare quei personaggi, anche se in realtà non li ho mai abbandonati del tutto, rinascono leggermente diversi. Il reset, per quanto duro, è stato necessario. La storia di JoJo era arrivata alla sua naturale conclusione, e allungarla ulteriormente sarebbe stato poco sensato e controproducente.

La saga di JoJo, negli anni, è cambiata molto, stilisticamente e narrativamente. Vorrei sapere se e come è cambiato lei nel corso di questi anni.

Indubbiamente anche io sono cambiato. Per quanto riguarda i personaggi, anche se cambiano, sono in realtà tutti uniti da un filo conduttore che attraversa tutta la saga, ovvero la spiritualità, il cuore e l’anima dei personaggi, che viene di volta in volta ereditata. Durante la stesura di Phantom Blood, molti erano rimasti straniti dalla morte di Jonathan, ma in realtà la sua morte è solo una metafora. L’anima di Jonathan continuerà a vivere per sempre nei suoi discendenti. Per esempio, all'inizio abbiamo dei personaggi estremamente attempati, che sfruttavano la loro fisicità attraverso le Onde Concentriche. Questa loro spiritualità si è poi evoluta naturalmente negli Stand come spiriti guardiani. Sono la conseguenza diretta dell’anima che i personaggi trasmettono alle generazioni successive.

Rimanendo in tema Stand, sarebbe bello conoscere a cosa si ispira per la creazione degli Spiriti Guardiani e quanto impiega per crearne uno nuovo.

Gli Stand sono la manifestazione fisica della volontà e dell’anima delle persone. Sono invisibili ad un occhio normale, ma il potere e la spiritualità dei personaggi sono così forti che non troverei un altro modo per farlo.

Nell'universo di JoJo, tutti i poteri più forti, nonché quelli dei villain principali, hanno a che fare con la manipolazione del tempo. Come mai per lei è così importante per lei il tempo?

Semplicemente, penso che poter controllare il tempo è il potere più forte in assoluto, in tutte le sue declinazioni. Per questo motivo, quando creavo i cattivi finali, studiavo i modi con cui potessero manovrarlo. Il potere piegare lo scorrere del tempo al proprio volere è qualcosa che mi affascina da sempre e credo che sia il potere più forte di tutti.


A chi o cosa si è ispirato per creare il personaggio di Yoshikage Kira?

Quando ho creato Kira, ho immaginato che il mio vicino di casa fosse un assassino, ma un assassino che vive, insospettabile, vicino a te, non è un personaggio vistoso. Al contrario, sembra una persona comune, calma, tranquilla. Ha degli hobby e delle attività come tutti, magari gli piace stare a casa, o magari gli piace uscire. Ho immaginato queste cose, e Kira è nato così. Lui è un personaggio che mi affascina molto, perché non fugge la sua natura. Kira accetta se stesso, non si combatte. Conosce se stesso, sa come è fatto e affronta la sua quotidianità giorno per giorno.

La sua passione per la moda è nota a tutti. Vorrei sapere quali sono i suoi stilisti preferiti e se al momento ha in programma nuove collaborazioni con stilisti, come quella fatta con Gucci.

Da giovane mi piaceva molto lo stile di Versace, con abiti arricchiti da spille e decorazioni. Al momento non ho però in mente collaborazioni con altri stilisti, sono concentrato sul progetto delle Paralimpiadi.

Qual è il suo personaggio preferito di JoJo?

Shigechi, un personaggio della quarta serie Diamond is Unbreakable.

Qual’è la Parte di JoJo a cui è più affezionato?

È proprio l’appena citata Diamond is Unbreakable. Questo perché la città in cui si ambienta, Morio-cho, è ispirata al posto in cui sono nato e cresciuto. Ci sono molto legato.

Sia lei che Haruki Murakami usate spesso la musica nella vostra narrativa. Pensa che ci siano dei punti in comune fra il suo modo di lavorare e quello di Murakami e, generale, fra le vostre opere?

In realtà non so. Non conosco il modus operandi e il processo creativo che adopera Murakami, ma per quanto mi riguarda l’ascolto della musica è qualcosa di quotidiano. Non se lui faccia così. Per esempio, parlando di me, amo profondamente Puccini, e sono stato a Lucca proprio per ascoltarlo.

Come mai il personaggio di Dio è tornato così tante volte all'interno della serie, riuscendo anche a reincarnarsi nella settima parte, Steel Ball Run?

Dio è molto potente, probabilmente uno dei più potenti dell’universo di JoJo. È un personaggio che incute paura, in quanto non ha nessun rimorso o senso di responsabilità. Dio è letteralmente l'antitesi della famiglia Joestar, e così ho creato Dio come qualcosa di ereditario per la famiglia Joestar anche attraverso la sua reincarnazione, come se fosse una maledizione. È talmente forte che non può morire in modo banale, e la sua rinascita lo rende ancora più spaventoso, come se, appunto, fosse una maledizione.

Inoltre, poche ore dopo, il Maestro ha incontrato anche i fan della saga al Teatro del Giglio, e ha risposto ad una serie di domande poste dall'organizzazione della Fiera e dai presenti in sala.

Maestro, poiché questo è un talk e vogliamo anche ripercorrere quella che è stata la storia di JoJo, la prima cosa che le chiedo è proprio come è nato Le Bizzarre Avventure di JoJo.

Buongiorno a tutti. L’idea dalla quale è partito JoJo era la mia volontà di mettere "su carta" i superpoteri di qualcuno, superpoteri che, di solito, non si possono vedere disegnati. Li ho trasformati in immagini su Shōnen Jump, e ho scelto il nome JoJo cercando un’assonanza.


C’è un tema che unisce JoJo e l’edizione di quest’anno di Lucca Comics & Games, ovvero l’attenzione all'umanità, il suo stretto legame il destino e con la fatalità. Inoltre, JoJo si collega anche all’immortalità dello spirito umano. Come mai, Maestro, ha scelto questi temi? Come mai gli è così legato?

In realtà è nato tutto perché mi è stato detto di disegnare una cosa del genere. Mi sono accorto in corso d’opera della profondità dei personaggi, dell’ammirazione per il lato umano e del tema del destino. In realtà, spiegando in modo più prolisso, io avevo intenzione di mettere su carta il tema dell’affermazione del genere umano, non dimenticare la propria umanità. Esistono le persone buone, positive, con tutti i loro lati apprezzabili, ma esistono anche persone negative con i loro lati umani e apprezzabili.

Rimaniamo sempre su questo tema. Nella serie, non c’è solo la famiglia Joestar, protagonista di tutte le Parti di JoJo, ma abbiamo anche gli Zeppeli. Sarebbe interessante sapere se gli Zeppeli riusciranno a loro volta, nelle loro future apparizioni, a sfuggire ad un destino che sembra accanirsi su di loro.

Ovviamente non c’è nessun accanimento nei confronti degli Zeppeli, ma sono semplicemente complementari alla famiglia Joestar, e per tale motivo la loro esistenza è un completamento necessario al cammino dei Joestar, nonché una "facilitazione" che gli consente di proseguire. Personalmente, amo molto la famiglia Zeppeli, in quanto trasmettono i loro valori e la loro positività anche attraverso la loro morte.

In JoJo, rispetto ad altri manga, in cui i protagonisti e i comprimari combattono, c’è una scelta ben precisa, ovvero l’assenza di uno scontro diretto, optando per uno scontro studiato, strategico, come una partita a scacchi. Il fulcro di questo sono gli Stand. Come fa, Maestro, a studiare sempre nuovi poteri e strategie.

Essendo il mio lavoro, trovo ispirazione in tantissime cose, soprattutto momenti di quotidianità. Quando incontro i miei amici, quando osservo il mio vicino di casa, quando bevo un po' d’acqua e mi rimane in gola… Potrei fare un potere anche partendo da queste cose. Essenzialmente, credo che sia l’osservazione dei piccoli dettagli l’essenziale in un processo creativo.

Molte delle serie di JoJo sono dei veri e propri diari di viaggio, il che comporta una grandissima variazione delle ambientazioni. In che misura l’ambientazione influenza la scrittura dell’opera, e quanto è fondamentale? Si parte da lì per creare la storia oppure è un plus?

Ad ispirarmi nella loro creazione sono stati i miei viaggi in bicicletta da piccolo. Quando ero giovane, facevo spesso dei piccoli viaggi in bicicletta e visitavo molti posti. Visitavo montagne, campagne, città. Questo muovermi, questo viaggiare, mi ha aiutato a crescere e a diventare adulto. Per me, la filosofia del viaggio come metafora della crescita, è veramente molto importante, perché consente ai miei personaggi di crescere, dalla partenza alla fine del viaggio.

Per quanto riguarda la seconda parte della domanda, prendo ad esempio la creazione di Morio-cho. Quando si deve affrontare un problema, solitamente lo si affronta di petto, a viso aperto, ma mi sono chiesto cosa sarebbe successo se questo “problema”, questa minaccia, si nascondesse e aspettasse. Magari è l’uomo della porta accanto e non lo sappiamo. Da questa idea, nasce il contesto di Morio-cho, l’avere un nemico invisibile, insospettabile che aspetta nell'ombra. È stata un’altra sfida rispetto alla creazione di una storia incentrata su un viaggio.

Rimaniamo su Morio-cho. È una città completamente inventata da lei. Le piacerebbe viverci?

Sì ci vivrei. Morio-cho è basato sul luogo in cui sono nato e cresciuto, ed era pieno di brava gente, anche se un po’ strana (c’era anche qualche "Zeppeli")

Rimanendo sempre nell'ambito del processo creativo, è conoscenza comune che lei ascolta moltissima musica. È anche un concetto interessante, in quanto il ritmo è fondamentale per lo storytelling. In che modo la musica, e che tipo di musica, influenza il suo lavoro.

La cosa che mi influenza di più è proprio il ritmo. Ci sono diversi tipi di ritmica, stili musicali, tempi di battute che influenzano il mio lavoro. La musica è molto importante.

Faccio la mia ultima domanda e poi passiamo la palla al pubblico. Cosa possiamo aspettarci dal futuro di JoJo?

In realtà non lo so. Di JoJo ho sempre avuto chiaro l'inizio e abbastanza chiara la sua fine. Su tutto ciò che c’è nel messo, aleggia una nebbia, ma perché la narrazione di JoJo è molto spontanea. Essenzialmente, però, mi è abbastanza chiaro come finirà JoJo.

Pubblico: Come dicevamo prima, il Maestro si ispira molto alla sua infanzia, ai suoi viaggi e alle sue esperienze di vita. In Diamond is Unbreakable, c’è lo Stand di Keicho Nijimura, Bad Company, che è formato da tanti soldatini. Ricordo una cosa del genere in una storia di Stephen King. Lei si ispira in qualche modo al Cinema e alla Letteratura Horror?

A me Stephen King piace, e in generale mi piacciono molto i film Horror, e sicuramente ho tratto ispirazione anche da lui, ma per quanto concerne l’Horror come genere, trovo più ispirazione per JoJo in film come Chucky.

Pubblico: Se non vado errato, ho letto che le ending dell’Anime di JoJo le sceglie direttamente lei. Mi piacerebbe sapere se c’è una canzone italiana che a lei piace e che in futuro utilizzerebbe come Ending di JoJo.

Mi piacciono molto la PFM e l'opera, in particolare la musica di Puccini. Ovviamente non ho ancora deciso nulla in modo definitivo.

Pubblico: In JoJo, i vestiti sono alcune delle parti più caratteristiche e importanti. Alcuni sono ispirati a pezzi di designer molto famosi. Come si sviluppa il processo creativo attorno ai vestiti?

I vestiti devono avere tutti una caratteristica in comune: devono essere comodi e facilitare i movimenti. Di base, però, mi concentro sempre sul modello della divisa scolastica giapponese. Su quella base poi lavoro ai particolari, come le spille di Giorno a forma di coccinella. Ma di base, l’ispirazione viene dalle divise scolastiche. Un manga che a me è piaciuto molto è Babil Junior, e il suo protagonista va in posti desolati, come il deserto, sempre con la divisa scolastico. Lo trovo fantastico, ed è stato di grandissima ispirazione, mi è sempre piaciuta l’idea di far muovere personaggi in divisa scolastica in ambientazioni di questo tipo. Quando ci sono riuscito mi sono commosso.

Pubblico: Se lei potesse scegliere il potere del suo Stand, quale sarebbe?

Penso che sceglierei il potere di portare il sereno e rischiarire il cielo. Oggi teoricamente doveva piovere, e invece grazie a me c’è il sereno *ride*.

Pubblico: Rimanendo in tema con quanto abbiamo detto prima, sul restare umani e sul valore dell’umanità, non crede che la punizione di Diavolo sia troppo crudele persino per lui?

Sinceramente no. Diavolo è talmente malvagio e ha portato talmente tanto dolore che non meritava nient’altro che quella fine.

Mi permetto di collegarmi a questa domanda appena posta per le ultime domande della giornata. C’è qualche personaggio che le somiglia o qualcuno in cui si rivede?

  • ride* Premetto questo: non è Rohan. Anzi, Rohan è ciò che io vorrei diventare. Detto questo, in realtà non c’è un personaggio che mi somiglia, ma se proprio dovessi scegliere qualcuno con qualcosa di mio, direi Shigechi.

Oggi abbiamo vissuto un viaggio nell’universo di JoJo. C’è un aneddoto sulla lavorazione di JoJo che le piacerebbe raccontare oggi?

Non so se può essere interessante, ma vi racconto questo: quando scrivevo su Shōnen Jump, mi davano come consegna 19 pagine a settimana. Il problema è che io non riuscivo mai a farne 19, ne facevo SEMPRE 21. Così, ogni volta ero costretto a tagliare 2 pagine. E non parlo di pagine che venivano poi recuperate nel capitolo successivo, parlo di tagli definitivi a tavole che non sarebbero mai apparse nel manga. Fortunatamente, ora che scrivo su Ultra Jump ho una consegna di 45 pagine al mese, e forse sono anche troppe.

Chiudiamo con questa domanda: se potesse tornare indietro, al giorno in cui ha iniziato a lavorare a JoJo, cosa correggerebbe? Cosa migliorerebbe e cosa cambierebbe del tutto?

Correggerei degli errori di stampa, come esclamazioni giapponesi che variano da scritto a parlato, in quanto difficilmente ho la possibilità di correggere quello che scrivo.

Grazie di cuore per questo prezioso incontro Maestro. È stato molto interessante parlare con lei di JoJo.[1]

Figuratevi. Grazie mille a tutti voi.

Q: What do you think about Lucca?

A: I came to Italy 10 years ago so I could see Puccini's (Giacomo Puccini on Wikipedia) house. I'm really happy to be here, in this beautiful town, meeting you all.

Q: Vento Aureo is set in Italy. What's the reason behind this choice?

A: My primary reason is that I love Italy and I wanted to travel here. It could be just a common preference, but I like the museums, the cinema, the food, basically I love everything here in Italy.

Q: On which source materials did you concentrate on in order to bring Italy on your comics?

A: Well, I obviously like the food. The "Spaghetti al nero di seppia" (Translator note: Spaghetti with squid ink) intrigued me that much with its black colour. I also adore cooking, so I'd like to ask you for recipes and advice. I'd appreciate it a lot. For example, on the "Spaghetti aglio, olio e peperoncino" (Translator note: Spaghetti with garlic, oil and chili pepper) how should I cut the garlic, like cubes or in another way? Or do I crush it? It's really important for me to know! I usually cut it in cubes, but then I pour some dashi (Japanese broth) [Audience is audibly shocked] Wait so you shouldn't even use butter? [Audience answers in shock] Oh, sorry! What about the salt? You use that, right?

Q: Another obligatory question for you, at this point. For how much time do you cook your spaghetti?

A: Eight minutes. Will I actually make a good dish? I don't know, but I always try to. I like cooking a lot of things, actually. With bottarga (Bottarga on Wikipedia) or tomato sauce. Moderator: You could also use cacio (Translator note: It's a type of salted cheese) and pepper. Alright, anyways I love putting all these things in my manga.

Q: Speaking of Naples, what can you tell us about it? Why did you start from this city and what's your relationship with pizza?

A: Because there are a lot of beautiful places like Pompei. For me it was the right location from which I could start the journey (Translator note: referring to Vento Aureo). I've obviously visited it. Speaking of pizza, you mean the thin version or the one with a big crust? In any case it's delicious, sadly I cannot cook it.

Q: Capri is an island usually connected to "good living". Did you manage to capture that feeling too?

A: To be honest I was actually interested in it because Emperor Tiberio (A Roman emperor) had a house there, as a relaxing place. He didn't trust the people around him, so I think that it's a little bit sad to see this contrast between living in a such beautiful place and being isolated from society.

Q: Pompei in one of the few locations that still preserves original paintings of that era. As an artist, what did you grasp?

A: It affascinated me. It was brought back to light after Vesuvio's eruction; it has a mysterious atmosphere, fantastic as a setting.

Q: What's your opinion on Michelangelo's art, his sculptures with their muscular bodies?

A: In this case we're talking about JoJo poses: in my opinion poses are what remains impressed in your brain. I've studied Bernini (Gian Lorenzo Bernini on Wikipedia), works of art like "Dafne e Apollo", and so on. The thing that I absolutely love watching are the bodies' torsions in every form and shape.

Q: What would you like to say about Venezia?

A: They told me that there's a staircase on which people sit on just to relax. And I wonder, why? What do they do?

Moderator: Eh, it's just an Italian habit. They're basically "wasting time".

Araki: So none of them read manga? And if you don't read them outside, where do you do so?

Moderator: We just read them at home, for us it's more of a private business.

Araki: Then I've got a mission for you all: go outside and read manga!

Q: Costa Smeralda, another location that tells about Italian wealth. In your comics it doesn't appear often. How so?

A: It's a fantastic place, in my opinion a resort, however at first glance it looks so gorgeous that it appears almost absorbed in a world of fantasy, mystery. It gives me inspiration.

Q: Have you ever tried Sardinian food?

A: Yes, and it's obviously delicious.

Q: Your deep love for Italy and the Italian audience is evident, and it's mutual for us. How can you explain this alchemy? A: I don't really know the answer to that in all honesty, but I never write my manga for a specific group of people. I try to represent the beauty and the sadness in humanity's life. If someone appreciates my work, I'm always happy about it. I've been drawing manga for thirty years, however it's now my turn to ask you which things made you interested in my drawings.

Q: Regarding Italian fashion: JoJo is full of Italian aesthetics and ideas, so how is your relationship with fashion?

A: Indeed, it's a fantastic subject. I love this classical and traditional style, moreover the buildings and monuments share the same motive, some of which are even from the Roman era. Moderator: We thank you for capturing all of this and made it eternal through JoJo.

[Questions from the audience]

Q: We suggest a dish: Spaghetti alle vongole. (Translator note: Spaghetti with clams) A: Does it have white wine in it? No butter? [Audience says no]

Q: After JoJolion will we have a new part set in Italy? A: I should make some research first, but I'll try.

Q from Maurizio Merluzzo (popular person on YouTube Italy, also a Dub official Voice Actor on various anime): I've started reading JoJo in 1999, it's been twenty years by now. Like everyone else, I've appreciated your drawing style evolving. However, why did Jonathan start from being so buffed like Kenshiro, and today he looks like someone from Sailor Moon?

Araki: Sorry about that, I wasn't as good at drawing back then, so now I am able to draw him with correct proportions.

Maurizio: But he was so gorgeous!

Araki: He looked like Sylvester Stallone.

Maurizio: You've got something against muscular men? (Translator note: for the record, Maurizio is quite muscular, so that's why he ironically states that)

Araki: No no, I don't hate them at all. But you really look like a Stand user, may I ask you who is that Stand?

Maurizio: A blender, I'll explain that to you later. (Translator note: He has a series on YT in which he uses a blender to make juice out of various food)

Araki: And what's your juice?

Maurizio: Spaghetti al nero di seppia.

Araki: Can it do apple juice?

Maurizio: So were Star Platinum and The World both Jonathan in different moments of his life?

Araki: The air tanks serve the purpose of breathing when time stops (Translator note: Possibly referring to The World's design)

Q: One of your characters uses a term from Firenze's dialect: "dimorto". (Translator note: dimorto means "di molto", and as you know Melone says that. Basically the pronounciation from the anime is similar to "dimorto" rather than "di molto")

A: Oh, I didn't know that!

Q: A lot of people came here from outside of Italy. A question from Japan: are there any quotes from your story that you particularily like?

A: Yes, your "mi rifiuto". In Japanese it's "kotowaru".

Q: Why are some important characters killed in an unexpected way?

[Here I've deleted a phrase because it totally doesn't make sense in this context, perhaps the article writer made an error here] A: Because, for example in Narancia's case, I wanted to describe the sadness inside life, the destiny which is often decided by a birth context more or less favorable. However when someone has a good sensibility and spirit, they manage to elevate themselves from all of this. He died while believing in more elevated morals in comparison with what he believed at the beginning.

Q: Does Bucciarati have tattoos or peculiar clothes?

A: They're drawings on the clothing, not tattoos.

Q: What's your favorite Italian artistic current? I've seen some references to classical art for example, but which one is your most preferred?

A: Obviously the Roman era and Renaissance art. If we're talking about modern art instead, I'd say Giorgio Morandi. (Giorgio Morandi on Wikipedia)

Q: Would you like to return to Italy and Lucca? Which one is your favorite city? A: Lucca's fair is beautiful, I also like the context in which this city is valorized as a whole. I'm astonished by the various influences being combined here. If you're going to call me again in the future, I'll gladly return. My favorite cities are probably Napoli and Capri.

Q: We propose the "Frittata di maccheroni", which is a typical napolitan dish. Anyways, there's a lot of characters which lack a parental figure. How so?

A: I'm interested in orphans. Actually there are a lot more things I'd like to tell about, speaking of this subject, but I decided to cut that so I could narrate something else.[2][3]


Note: This is the Italian transcript of Araki's interview during his appearance at Lucca Comics 2019.

Che ne pensa di Lucca?

Sono venuto in viaggio in Italia dieci anni fa, per vedere la location di Puccini. Sono veramente contento di essere in questa splendida cittadina e poter incontrare tutti voi.

Vento Aureo è ambientato in Italia. Come mai questa scelta?

Amo l'Italia e volevo venirci, questo è il primo e vero motivo. Sarà un po' comune come linea di pensiero, ma dell'Italia mi piacciono i musei, il cinema, il cibo, insomma tutto quello che c'è qui io lo amo.

Su quali materiali si è concentrato-basato per portare la nostra Italia nei fumetti?

Beh, chiaramente mi piace anche il cibo. Lo spaghetto nero di seppia, così scuro e nero, mi incuriosiva moltissimo. A me piace anche cucinare, mi piace molto, pertanto sono io che chiedo a voi di darmi ricette e consigli. Lo apprezzerei moltissimo. Ad esempio, negli spaghetti aglio, olio e peperoncino, l'aglio come lo taglio? A cubetti, oppure lo taglio? oppure lo schiaccio? È importante, lo vorrei sapere veramente!

Io ad esempio lo metto a pezzi, ma poi ci metto il dashi (brodo giapponese, ndb)(urlo di scandalo da parte della folla) Anche il burro quindi non si mette? (risposta indignata della folla)

Ah, scusate! E il sale? Il sale si mette, vero?

Abbiamo un'altra domanda obbligatoria per lei, a questo punto. Gli spaghetti quanto li fa cuocere?

Otto minuti. Ce la farò a fare un buon piatto? Non lo so proprio, ma ci provo. Mi piace preparare tante cose, in verità. Con la bottarga, con la salsa di pomodoro.

Moderatore: consigliamo anche il cacio e pepe.

Ecco, comunque tutte queste cose mi piace metterle nei manga.

A riguardo della città di Napoli, cosa ci può dire? Che ne pensa? Perché è partito da qui per la storia e com'è il suo rapporto con la pizza?

Perché ci sono posti bellissimi come Pompei. Per me era il luogo giusto da cui fare iniziare il viaggio. L'ho visitata, ovviamente. A riguardo della pizza, intendete quella sottile o col bordo alto? In ogni caso è buonissima, purtroppo però non la so cucinare.

Capri è un'isola collegata alla bella vita. È riuscito a goderne anche lei?

A dire il vero mi affascinava molto il fatto che l'imperatore Tiberio avesse lì una casa, un luogo di riposo. Non si fidava di chi aveva intorno, pertanto reputo che fosse un po' triste questo contrasto del poter vivere in un luogo così bello, eppure dover essere così isolati.

Pompei è uno dei pochi luoghi che conserva le pitture originali dell'epoca. Da artista cosa ne ha colto?

Mi affascina molto. È stata riportata interamente alla luce dopo l'eruzione del Vesuvio; ha un'atmosfera misteriosa un posto meraviglioso da utilizzare come ambientazione.

Firenze e l'arte di Michelangelo, la sua scultura dalle muscolature così massicce. Che ne pensa?

In questo caso parliamo delle pose di JoJo: per me il senso delle pose è quella figura che ti rimane impressa. Ho studiato il Bernini, Dafne e Apollo e così via. Ciò che mi impressiona e mi piace di più vedere in assoluto è la torsione del corpo in ogni sua forma.

Cosa ci dice di Venezia?

Mi hanno detto che ci sono delle scale su cui la gente si siede per rilassarsi. E mi chiedo, come mai? Che cosa fanno?

Moderatore: eh, si tratta di un'usanza italiana. "Perdono tempo", in pratica.

Araki: quindi nessuno di loro legge manga? E se non li leggete all'aperto, allora dove li leggete i manga?

Moderatore: Da noi si legge a casa, è un fatto più privato, diciamo.

Araki: allora da oggi in poi avete una missione: leggete i manga all'aperto!

Costa Smeralda, un altro luogo che racconta l'opulenza italiana. Nei fumetti appare poco, però. Come mai?

È un luogo meraviglioso, per me è da resort, ma a prima vista sembra talmente bello da apparire quasi immerso in un mondo di fantasia, misterioso. Mi da ispirazione.

Ha provato il cibo sardo?

Sì, e ovviamente è delizioso.

È evidente il profondo amore che corre tra lei e l'Italia e il suo pubblico italiano, e viceversa. Come si spiega secondo lei questa alchimia?

Non conosco il motivo in verità, però non scrivo i miei manga perché siano destinati ad un pubblico in particolare. Cerco di rappresentare la bellezza e la tristezza del vivere umano. Che qualcuno poi apprezzi il mio lavoro, per me è meraviglioso. Io disegno manga da trent'anni, ma sono io a chiedere ora a voi cosa vi affascina di loro così tanto.

A riguardo della moda italiana: Jojo trasuda la moda italiana, le sue idee ed estetica da ogni dove. Il suo rapporto con la moda com'è?

Sì, la moda italiana è fantastica. Mi piace questo stile classico e tradizionale, ma come la moda hanno quest'aria anche i palazzi e gli edifici, alcuni rimangono persino dall'epoca romana. Moderatore: siamo noi a ringraziare lei per aver ripreso tutto questo ed averlo reso eterno in Jojo.

Domande dal pubblico:

Suggeriamo un piatto al maestro: gli spaghetti alle vongole.

Araki: ci mette il vino bianco? Niente burro? (risposta indignata: no, niente burro)

Dopo Jojolion potremo avere una nuova serie ambientata in Italia?

In realtà dovrei fare delle ricerche, ma ci proverò.

(da Maurizio Merluzzo) ho iniziato a leggere Jojo nel 1999, faccio vent'anni quest'anno. Come tutti, ho apprezzato l'evoluzione del disegno nel tempo. E tuttavia, come mai Jonathan partiva da un fisicaccio in modalità Kenshiro e oggi sembra invece più una Sailor Moon?

Araki: scusate, ma io all'inizio non ero tanto bravo a disegnare, per cui ora riesco a farlo più proporzionato. Maurizio: ma era bellissimo! Araki: somigliava a Sylvester Stallone. Maurizio: ha qualcosa contro le muscolature? Araki: No no, non le odio affatto. Ma tu di contro mi sembri uno che ha il suo stand, posso chiederti chi è? Maurizio: un frullatore, poi avrò modo di spiegarlo. Araki: qual è la tua centrifuga? Maurizio: spaghetti al nero di seppia. Araki: ma il succo di mela lo sai fare? Maurizio: ma allora posso chiedere se Star Platinum e The World sono entrambi Jonathan in due momenti diversi della vita? Araki: le bombole sono una tanica per riuscire a respirare quando si ferma il tempo.

Un personaggio usa un termine fiorentino "dimorto".

Ah sì? Non lo sapevo affatto!

Molti vengono oggi dall'estero. Una domanda dal Giappone: dentro le storie ci sono delle frasi che le piacciono particolarmente?

Sì, il vostro "mi rifiuto". In giapponese è "kotowaru".

Perché alcuni personaggi importanti muoiono in modi che non ci si aspetta?

Intanto mi scuso però sono personaggi veramente cattivi, quella morta è il modo giusto di concludere il loro percorso umano. Quindi non ti piace?

Pubblico: Perché ad esempio, nel caso di Narancia, io volevo descrivere la tristezza del vivere, il destino spesso che viene deciso da un contesto di nascita più o meno favorevole. Ma quando una persona ha una bella sensibilità e un bello spirito, riesci ad elevarti da tutto questo. Lui è morto credendo a valori ben più elevati rispetto a quelli da cui partiva.

Quelli di Bucciarati sono tatuaggi oppure abiti speciali?

Si tratta di disegni sull'abito, sì. Non sono tatuaggi.

Quale movimento artistico italiano più le piace? Ho visto citazioni di arte classica, ad esempio. Ma il suo preferito qual è?

Mi piace ovviamente l'epoca romana e rinascimentale. Per quanto riguarda l'arte moderna, mi piace Giorgio Morandi.

Le piacerebbe tornare in Italia e a Lucca? Qual è la sua città preferita?

La fiera di Lucca è bellissima, davvero splendido anche il contesto in cui viene valorizzata la città nel suo insieme. Si mischiano varie influenze, e questo mi ha stupito moltissimo. Se mi chiamerete ancora, io ritornerò sicuramente. Circa la città, penso le mie preferite siano Napoli e Capri.

Consigliamo la frittata di maccheroni, che è un tipico piatto napoletano. Ci sono molti personaggi del manga cui manca una figura genitoriale. Da cosa deriva?

Gli orfani mi interessano molto. In realtà ci sarebbero molte più cose che vorrei raccontare su di loro, di cui vorrei parlare sull'argomento, ma ho preferito tagliarlo per parlare d'altro.


References

Site Navigation

Other languages: